logo

AGENZIA NAZIONALE DI VALUTAZIONE
DEL SISTEMA UNIVERSITARIO E DELLA RICERCA

Home > Procedura di riesame e possibilità di controdeduzioni – Accreditamento iniziale dei Corsi di Studio e accreditamento periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio

Procedura di riesame e possibilità di controdeduzioni – Accreditamento iniziale dei Corsi di Studio e accreditamento periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio

La procedura di accreditamento iniziale dei Corsi di Studio prevede l’accesso alla valutazione preliminare della CEV da parte dell’Istituzione che ha presentato il/i Corso/i di Studio. L’istituzione ha quindi la possibilità di presentare controdeduzioni e/o ulteriori informazioni, chiedendo eventualmente una revisione di uno o più giudizi attribuiti. Tali controdeduzioni saranno prese in carico dalla CEV nella formulazione della valutazione finale trasmessa all’ANVUR e dal Consiglio Direttivo dell’Agenzia per la formulazione del parere finale da trasmettere al Ministero.

Allo stesso modo, la procedura di accreditamento periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio prevede la trasmissione del rapporto preliminare della CEV all’istituzione valutata, che ha di norma 30 giorni per produrre le proprie controdeduzioni, chiedendo eventualmente una revisione di uno o più punteggi attribuiti ai punti di attenzione. Tali controdeduzioni diventano parte integrante del protocollo di valutazione finale nel quale la CEV risponde nel merito alle eventuali controdeduzioni. Entrambi questi passaggi sono presi in considerazione da ANVUR nella stesura del Rapporto di Accreditamento periodico contenente la decisione finale ai sensi del DM 6/2019.

Inoltre, ai sensi del Decreto Legislativo n. 19/2012 (art. 7 e art. 8), per entrambe le procedure sopra descritte, l’Istituzione interessata può in ogni caso presentare una richiesta di “Riesame” al Ministero dopo aver ricevuto dallo stesso la decisione finale circa l’accreditamento sulla base di quanto deliberato dal Consiglio Direttivo ANVUR. Se la richiesta viene accettata il Ministero trasmette all’ANVUR una nota chiedendo di rivedere la valutazione e attivando la procedura di “Riesame”. L’ANVUR avvierà quindi una nuova procedura a partire dalla nomina di una nuova CEV e che prevede gli stessi passaggi (comprese le eventuali controdeduzioni). Al termine della procedura, la decisione finale del Consiglio Direttivo ANVUR circa il “Riesame” viene trasmessa al Ministero, con specifico riferimento agli elementi evidenziati nella richiesta.